Pensiero di mercoledi 9 marzo 2016

Sentimento religioso - è inscritto nella struttura dell’essere umano

Voler combattere la religione in nome dell’oggettività, della scienza, della ragione, è un’impresa già votata al fallimento. Non si può sopprimere il sentimento religioso, così come non si possono sopprimere gli altri sentimenti, poiché si tratta di un ambito in cui la sola ragione non trova posto. Il senso del sacro è inscritto nella struttura stessa dell’essere umano, il quale prova il bisogno di sentirsi collegato a un mondo superiore, il mondo divino nel quale ha la propria origine. Si può cercare di negarlo, di combatterlo, di estirparne le radici, e per un attimo può anche accadere che ci si riesca. Ma quei successi non durano, e prima o poi si è obbligati a constatare tutti i danni prodotti da una simile impresa, non solo negli individui, ma anche nelle società.

Omraam Mikhaël Aïvanhov


 
Pensieri quotidiani 2012
€ 12,00
Aggiungere
Pensieri quotidiani 2013
€ 12,00
Aggiungere
La musica e il canto
€ 3,50
Aggiungere