Pensiero di martedi 14 agosto 2018

Anima e spirito - l'impossibilità di studiarli scientificamente non giustifica il fatto di negarne l'esistenza

Dato che il mondo oggettivo, materiale, è osservabile da tutti nello stesso modo, gli scienziati hanno deciso di limitare a quel mondo le proprie ricerche. Lasciano da parte il mondo dell'anima e dello spirito – il mondo soggettivo – con la scusa che tale ricerca necessiterebbe di strumenti che nessuno ancora è in grado di fabbricare, e alcuni di loro negano perfino la sua esistenza. Coloro che adottano questo atteggiamento si compromettono. Sarebbero più saggi se dicessero: «Può darsi che questo campo contenga ricchezze inimmaginabili, e che proprio lì troveremmo le chiavi della vera scienza; ma allo stato attuale dei nostri mezzi d'investigazione, non abbiamo gli strumenti per esplorarlo. Cercheremo di riuscirci in futuro, ma per il momento ci limitiamo a studiare ciò che è accessibile ai nostri cinque sensi». Quanto a voi, non fate mai dipendere la vostra vita interiore dall'opinione di persone che si pronunciano su realtà che non conoscono.

Omraam Mikhaël Aïvanhov


 
Commento all’Apocalisse
€ 10,00
Aggiungere
La nuova religione solare e universale (II)
€ 19,00
Aggiungere
Il nuovo anno
€ 3,50
Aggiungere