Pensiero di mercoledi 28 maggio 2014

Avversari - sui quali si deve poter trionfare senza scendere al loro livello

La vita è una scuola nella quale siamo venuti a fare un apprendistato, e in questa scuola di fatto ignoriamo chi siano i professori e chi gli alunni. A istruirci, possono essere dei bambini, dei mendicanti, ma anche gli esseri che ci sono ostili… Sì, anche e soprattutto quegli esseri, poiché sono loro che ci costringono a fare gli sforzi maggiori. Sarebbe così facile a volte rispondere alle calunnie e agli attacchi, ma non tutti i modi di rispondere vanno bene. Chi ribatte, corre sempre il rischio di abbassarsi al livello di coloro che se la prendono con lui, e finisce allora nello stesso pantano. Non è proibito reagire, ma a condizione che si sia capaci di mantenersi molto in alto e di non uniformarsi ai propri avversari nella meschinità e nella cattiveria; perché in tal caso, anche se in apparenza si riporta la vittoria, in realtà si subiscono anche grosse perdite. Di quanta intelligenza, di quanta forza di carattere è necessario dar prova per tener duro e difendersi senza usare le stesse armi dei propri avversari! E proprio per questo essi sono tanto utili per la nostra evoluzione.

Omraam Mikhaël Aïvanhov


 
La verità, frutto della saggezza e dell'amore
€ 10,00
Aggiungere
>
€ 28,00
Aggiungere
La Pietra filosofale
€ 10,00
Aggiungere