Pensiero di mercoledi 24 aprile 2019

Evoluzione delle forme - e involuzione dello spirito

Contrariamente a una teoria generalmente diffusa, l'uomo non discende dalla scimmia e neppure da un qualunque altro animale! Quando, miliardi di anni fa, la crosta terrestre si è solidificata, sono apparse le piante, poi gli animali e infine l'uomo. Dalla pianta all'uomo c'è stata sicuramente un'evoluzione, ma solo un'evoluzione delle forme. Quando è apparsa una forma adatta a lui, lo spirito umano è sceso in quella forma, esattamente come un proprietario viene a prendere possesso della casa che hanno finito di costruirgli. Non è la casa a produrre il proprietario: egli non esce dai muri! Quel proprietario viene da altrove e vi si insedia solo nel momento in cui la casa è pronta. Allo stesso modo, quando lo spirito ha trovato un corpo in grado di riceverlo e ha trovato condizioni adatte per manifestarsi attraverso quel corpo, è disceso dalle regioni celesti, e da milioni di anni non smette di scendere. È stata dunque necessaria un'evoluzione delle forme affinché potesse verificarsi l'involuzione dello spirito.

Omraam Mikhaël Aïvanhov


 
Nuova luce sui vangeli
€ 10,00
Aggiungere
La luce, spirito vivente
€ 10,00
Aggiungere
Per diventare un libro vivente - Elementi autobiografici 1
€ 23,00
Aggiungere