Pensiero di lunedi 12 novembre 2012

Avvenimenti - che siano felici o infelici dipende in gran parte da noi stessi

Istintivamente, gli esseri umani non smettono di proiettarsi nell’avvenire; vivono con la speranza che il domani sarà migliore, ma questa proiezione nell’avvenire spesso non è che una fuga. Da dove attingono la speranza che il futuro possa essere migliore del presente? La verità è che il futuro sarà ancora peggiore, se ci si accontenta di sperare senza lavorare. Le buone cose giungono raramente dall’esterno. Se arrivano, tanto meglio; ma siete soprattutto voi stessi che avete il potere di volgere gli avvenimenti a vostro vantaggio o a vostro detrimento. Potete infatti vivere ogni evento in due modi: il primo vi eleva al di sopra di voi stessi, e l’altro vi avvilisce o addirittura vi fa cadere. Lavorate dunque con la saggezza, l’amore e la volontà, e trasformerete le condizioni esteriori più sfavorevoli in benedizioni per voi stessi e per gli altri.

Omraam Mikhaël Aïvanhov


Regole d'oro per la vita quotidiana
€ 10,00
Aggiungere
Centri e corpi sottili
€ 10,00
Aggiungere
Il lavoro alchemico ovvero la ricerca della perfezione
€ 10,00
Aggiungere