Pensiero di martedi 4 dicembre 2018

Animali interiori - che dobbiamo imparare a sacrificare

Gesù è venuto per insegnare agli esseri umani che il vero sacrificio non consiste nell'offrire a Dio qualcosa di esterno a sé: frutti, farina, bestiame ecc., come si usava ai suoi tempi. Perché anche se l’offerta dei prodotti della terra o di animali può indicare un desiderio di rinuncia da parte degli umani, non si tratta comunque di un sacrificio così essenziale quanto la rinuncia a soddisfare le bramosie e gli appetiti grossolani che abitano il loro cuore. Gesù è quindi venuto a insegnarci che occorre immolare i nostri animali interiori; sì, perché la nostra natura inferiore è il covo di tutto il bestiame e di tutte le belve. L’egoismo, la gelosia, l’odio, la sensualità... Ecco gli animali che dobbiamo offrire in olocausto; e dal sacrificio che faremo bruciandoli sul nostro altare interiore, si sprigioneranno energie che potremo mettere al servizio dello spirito, della Divinità.

Omraam Mikhaël Aïvanhov


I Frutti dell'Albero della Vita
€ 19,00
Aggiungere
La luce, spirito vivente
€ 10,00
Aggiungere
La nuova religione solare e universale (I)
€ 19,00
Aggiungere